Estate 2017: 5 Frozen imperdibili

Estate 2017: 5 Frozen imperdibili

36
SHARE
Frosé

Bicchieri colorati e multiformi, ombrellini di carta come se piovesse e tante, tante, tante cannucce. L’estate 2017 è ormai sinonimo di Frozen Cocktail il rimedio più gustoso al caldo torrido di agosto.

Sebbene non siano affatto una novità, complice il caldo, quest’anno i frozen hanno davvero spopolato e gli appassionati si sono moltiplicati, anche se l’identikit tipo del consumatore è molto semplice da tracciare: donna, età compresa tra i 26 e i 40, con tanta voglia di divertirsi e cogliere tutte le occasioni che l’estate può offrire. A buon intenditor…

Certo, poi, non tutti i Frozen sono uguali: ci sono i classici e gli evergreen, ma anche le sorprendenti novità 2017. Vediamoli insieme.

Caipiroska
Frozen leggermente atipico, la Caipiroska è un cocktail a base di vodka, lime e ghiaccio pestato anziché frullato, per la gioia di quante amano “sgranocchiare” qualcosa che non le faccia ingrassare. Nella sua variante alla fragola è molto gettonato tra le millennials.

Frozen Margarita
Dal Messico con furore, il Margarita è un pre-dinner a base di Tequila, Cointreau e succo di lime.
Con l’aggiunta di ghiaccio frullato, nella variante frozen, diventa un drink adatto a tutte le ore. Più o meno…

Pina Colada
Dolcissimo ed esotico (è il cocktail Porto Rico), la Pina Colada è un long drink a base di rum chiaro, succo d’ananas e latte di cocco. Perfetto per essere sorseggiato a bordo piscina, è sinonimo di massimo relax e… grandi pezzi di frutta fresca solitamente utilizzati per decorare il bicchiere.

Dogajolo Frosé
Vera e propria novità e gustosa sorpresa del 2017, il Frosé ha un ingrediente segreto: il Dogajolo rosato! Poi tante fragole, limone, zucchero e ghiaccio per un cocktail unico, leggero e decisamente… cool!

Daiquiri frozen
Rum, lime, dolcissimo sciroppo di zucchero e, ovviamente, tanto ghiaccio rigorosamente frullato per non più di 30 secondi! Il Daiquiri frozen è rinfrescante e piacevole come una granita e soprattutto d’estate se ne potrebbero consumare quantità industriali, ma attenti a non dimenticarvi che si tratta pur sempre di un alcolico!