Gli americani bevono più vino degli italiani

Gli americani bevono più vino degli italiani

25
SHARE
gli americani bevono più degli italiani

Quanto ci piace la sensazione di concludere una lunga giornata di lavoro con un happy hour, qualche amico e un drink o due. Anche gli italiani amano provarla: si incontrano in una piazza e bevono un bicchiere di vino per il loro tradizionale aperitivo. L’Italia è famosa per la sua scena sociale e, ovviamente, per il suo vino. Se ci sei stato, saprai sicuramente che bere qualcosa chiacchierando con gli amici è un rituale fondamentale, anche tutti i giorni. Saprai anche che gli italiani non sono così legati alla cultura del cocktail come lo sono gli americani: in queste occasioni scelgono, in genere, un bicchiere di prosecco o di un rosso corposo. Verrebbe naturale pensare che, con tutto questo socializzare, l’Italia batta gli americani sul consumo di vino. Sbagliato! Vari studi hanno dimostrato, infatti, che gli americani ne bevono di più degli italiani.

Negli ultimi anni il vino italiano è il più importato negli Stati Uniti, uno dei più grandi mercati di questo nettare del Mediterraneo. Sembra che i giovani si stiano avvicinando sempre più alle abitudini degli europei, preferendo un bicchiere di vino frizzante o un Chianti Classico al solito cocktail. Le vendite di spumanti e rossi italiani sono aumentate, lasciando in perdita le etichette americane più famose, come Cupcake e Beringer.

Gli States hanno conquistato il primo posto nell’enorme mercato mondiale del vino, seguiti dalla Francia e dalla Germania, secondo quanto riportato dall’OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino). E l’Italia? Non c’è da preoccuparsi per i nostri amici italiani: la loro produzione di vino va più che bene e le vendite sono sempre altissime. Per quanto riguarda il consumo, è vero che ultimamente bevono meno del solito, ma per una buona ragione: bevono meglio! Spendono di più per il vino, quantità ridotte per una maggiore qualità. Niente da fare, sono sempre a un passo avanti quando si parla di vino! Sono finiti i tempi in cui a tavola si portava una vecchia bottiglia qualsiasi, purché fosse vino. Gli italiani ora guardano se l’etichetta presenta la sigla di garanzia DOC (Denominazione di origine controllata) o DOCG (Denominazione di origine controllata e garantita) o scelgono vini Riserva: tutte caratteristiche di alcuni Super Tuscan.

E gli amanti del vino americano? Buone notizie anche per voi, i vini italiani stanno preparando il terreno per una nuovissima tendenza tutta americana. Tenetevi pronti!