Come trasportare il vino in aereo

Come trasportare il vino in aereo

767
SHARE
il vino in aereo

Quando si torna dalle vacanze è sempre bello portare a casa un souvenir gastronomico da portare in tavola per far rivivere sapori e profumi che hanno reso speciale la propria villeggiatura.

Un’operazione che, però, specie quando si tratta di vini, potrebbe non essere così scontata: se ci si sposta in aereo, infatti, potrebbe non essere così semplice far arrivare sana e salva fino a casa la bottiglia di quel rosso delizioso che vi ha fatto innamorare durante il vostro soggiorno e che avete deciso d’impulso di acquistare. Eppure, non c’è da disperarsi: non dovrete rassegnarvi a scolarvelo tutto ai gate dell’aeroporto o a regalarlo al primo fortunato passante!

Per quanto difficile, trasportare il vino in aereo non è certo impossibile. In cabina, è vero, non si possono portare sostanze liquide in quantità superiori ai 100ml; perciò – a meno che non abbiate acquistato le vostre bottiglie di vino al duty free aeroportuale – l’unica soluzione è quella di imbarcare il vostro “prezioso bottino”, imballandolo e trasportandolo via stiva, nel bagaglio registrato.

Dovrete, però, fare attenzione alle regole stabilite dalle agenzie di sicurezza internazionale sul trasporto dei liquidi e adottate dalle diverse compagnie aeree assieme a eventuali ulteriori limitazioni: le restrizioni riguardano il numero di bottiglie, le dimensioni e anche il contenuto alcolico.

A questo punto, superate le incombenze burocratiche, veniamo alla nota più delicata: come proteggere le bottiglie evitando che si rompano? La prima opzione, che poi è anche la più ovvia, è quella di applicare degli adesivi con la scritta “fragile” sul bagaglio o sulla scatola nella quale abbiamo deciso di trasportare il vino acquistato. Tuttavia, è bene ricordare che le compagnie aree non necessariamente sono responsabili in caso di rottura o danneggiamento del bagaglio, perciò, per non passare tutto il viaggio a preoccuparsi con il rischio di ritrovare una brutta sorpresa all’arrivo, si può cercare di aggirare il problema utilizzando i prodotti di Lazenne, un’azienda francese che ha realizzato una linea pensata appositamente per il trasporto di vino in aereo: si tratta di Wine Check Luggage e di Wine Hug, questi i nomi dei due oggetti che, studiati per la massima usabilità ed ergonomia, non rinunciano a un design giovane e di tendenza.

Il primo, in particolare, permesse di trasportare fino a 12 o addirittura 15 bottiglie e, grazie alle sue rotelle, può essere trascinato comodamente e senza fatica. Si tratta, in sostanza, di una scatola al cui interno vanno inserite delle apposite custodie realizzate per ospitare bottiglie di diverse forme e dimensioni. In alternativa, si può optare per il Wine Hug, una sorta di astuccio gonfiabile all’interno del quale inserire la bottiglia  (ma ne può ospitare fino a due) che sarà così sempre protetta da qualsiasi tipo di urto.

Così potrete viaggiare senza troppi pensieri.